SOLIDARIETÀ

HomeMagazineSaluteServizi

Coronavirus: il Comune di Palermo attiva il servizio (gratuito) di consegna farmaci a domicilio

La Croce Rossa Italiana e FederFarma hanno stipulato un accordo per la consegna di farmaci a domicilio a favore dei soggetti considerati maggiormente a rischio

Balarm
La redazione
  • 6 aprile 2020

Una volontaria della Croce Rossa

Anche in tempi di Covid-19, le belle iniziative di solidarietà non tardano a venire: il Comune di Palermo ha attivato un numero verde grazie al quale richiedere il servizio di consegna a domicilio dei farmaci.

Al fine di rispettare le misure di contenimento del contagio, adottate con i vari Dpcm, la Croce Rossa Italiana e FederFarma hanno stipulato un accordo per la consegna di farmaci a domicilio a favore di tutte quelle persone alle quali è sconsigliato spostarsi al di fuori del proprio domicilio o che sono impossibilitate a recarsi presso una farmacia.

In particolare, possono accedere al servizio le persone considerate maggiormente a rischio ossia: gli ultra 65 enni, i soggetti con sintomatologia da infezione respiratoria e febbre ( purché superiore alla temperatura di 37,5°), le persone non autosufficienti o sottoposte alla misura della quarantena o, in ogni caso, quelli risultati positivi al Coronavirsu.

Il servizio è attivabile esclusivamente chiamando il numero verde 800 065510 dedicato – attivo h24, 7 giorni su 7 – attraverso il quale i soggetti precisati, già in possesso di prescrizione medica, potranno richiedere la consegna dei farmaci a casa per il mantenimento dei parametri essenziali di continuità e aderenza alla terapia.



Queste le regole per la corretta gestione del servizio di domicilio: all’atto dell'istanza, il richiedente dovrà indicare l'indirizzo di ritiro della ricetta e della consegna dei farmaci. Sarà il personale della Croce Rossa - in uniforme della Cri – a provvedere al ritiro della ricetta o del promemoria presso l'indirizzo e si recherà presso la farmacia più vicina al domicilio dell'utente, salvo diversa indicazione dell'utente stesso.

Ove trattasi di ricette o promemoria consegnati da persone non autosufficienti o sottoposti a quarantena o positivi al virus il personale Cri provvederà ad avvisare il personale della farmacia. Inoltre, una volta acquistati i farmaci (il cui prezzo, dove previsto, è anticipato al farmacista da parte degli agenti della Cri) gli stessi verranno consegnati in busta chiusa all'utente che provvederà a rimborsare il personale della Croce Rossa.

Al fine di scoraggiare potenziali truffe, inoltre, si precisa che nulla è dovuto dai singoli utenti fruitori del servizio per lo svolgimento del servizio stesso, oltre a quanto necessario per l'acquisto dei farmaci. L'utente può richiedere al personale Cri l'emissione dello scontrino fiscale “parlante” da utilizzare per le detrazioni fiscali, fornendo la tessera sanitaria o il codice fiscale.

L’accordo in vigore resterà valido fintantoché saranno in vigore le disposizioni ministeriali che limitano lo spostamento delle persone.
Se ti è piaciuto questo articolo, continua a seguirci:
Iscriviti alla newsletter
Cliccando su "Iscriviti" confermo di aver preso visione dell'informativa sul trattamento dei dati.

ARTICOLI RECENTI