SOLIDARIETÀ

HomeMagazineSaluteSanità

A Palermo 12 donne si spogliano per la causa: un calendario per la lotta al tumore al seno

Il tumore alla mammella riguarda tantissime donne e preoccupa ancor di più in questo momento storico in cui la pandemia ha creato rallentamenti e liste d'attesa infinite

Balarm
La redazione
  • 16 dicembre 2020

La problematica del tumore al seno riguarda tantissime donne e preoccupa ancor di più in questo momento storico in cui la pandemia ha creato rallentamenti, liste d'attesa infinite facendo crescere nuovi dubbi e timori.

Le pazienti, in questo delicato periodo, rinunciano oppure vengono sottoposte a interventi successivi sempre più complessi.

Lo scopo di questa iniziativa è quello di raccogliere fondi per creare uno sportello di ascolto dedicato alle donne che vogliono fare prevenzione o che stanno affrontando questa patologia, al fine di orientarle e supportarle e dodici donne hanno deciso di farlo mettendoci la faccia, anzi tutto il corpo. L'idea del calendario "Le donne, sono belle" è nata da due socie del Consultorio MIF (Minori, Migranti, Famiglie) che hanno combattuto e sconfitto il tumore al seno. Insieme ad altre volontarie si sono spogliate, si sono rese protagoniste di uno shooting.

Dodici scatti che accompagneranno un intero anno, il 2021, all'insegna della solidarietà e della salute. Una causa importante, quella della prevenzione del tumore al seno, che ha incoraggiato un gruppo di donne, già impegnate ogni giorno in attività di volontariato per la tutela dei diritti alle fasce svantaggiate della popolazione, a posare, spogliandosi, davanti all’obiettivo per sostenere la campagna di raccolta fondi del Consultorio MIF “LA PREVENZIONE AL CENTRO”.



Il Consultorio dei diritti MIF è una realtà palermitana che consta di quasi 100 soci, esperti dell’area medico-sanitaria, giuridica, psicologica, al servizio della comunità per garantire informazione e diritti con particolare attenzione alle fasce svantaggiate della popolazione con attività e azioni di contrasto al disagio.

«Questo calendario è un racconto pensato dalle donne per le donne – commenta Dorotea Zanca, fotografa e socia MIF - le fotografie hanno in comune la sensibilità propria dell’universo femminile, raccontato attraverso il modus vivendi delle protagoniste: rivelano, in ultima analisi, i percorsi e le aspettative dell’esistenza umana. Sguardi, parole e dettagli da cui partire, una girandola di emozioni e non un semplice reportage antropologico su chi ha vinto la propria sfida contro il tumore al seno. È la prossimità che alimenta l’anima e ne assicura una crescita, una rinascita, un regalo per la comunità: tessere una rete di sostegno a favore della prevenzione».

«Da qualche giorno abbiamo lanciato una campagna di crowdfunding per l'apertura di uno sportello online di prevenzione e informazione, uno strumento che permetterà a tutta lItalia il contatto con la nostra equipe di professionisti che da Palermo, attraverso un pc, potrà guidare tutte le donne che si approcciano a questo tema, limitando così il rischio di aumento del contagio del Covid-19», afferma Vincenzo D'Amico, presidente del MIF.

Il calendario sarà inviato a chi sosterrà questa campagna con una donazione minima di 15€, tutte le info e le modalità di pagamento si trovano sul sito www.consultoriodeidirittimif.it ma i volontari del CONSULTORIO MIF vogliono fare in modo che questo calendario abbia una distribuzione su scala nazionale.

Per sostenere la campagna basta fare una donazione sul conto iban IT29F0359901899050188551357 o con altri metodi di pagamento accessibili dal sito

I primi 100 donatori che contribuiranno con una somma minima di 15 euro riceveranno una copia del calendario.
Ogni donazione è un giorno in più di prevenzione regalato ad ogni donna.

Il Consultorio dei diritti M.I.F, ha la sua sede legale in Corso Finocchiaro Aprile 195/b e può essere contattato attraverso il numero di telefono 3311253780, e l'e-mail mifconsultorio@gmail.com
Se ti è piaciuto questo articolo, continua a seguirci:
Iscriviti alla newsletter
Cliccando su "Iscriviti" confermo di aver preso visione dell'informativa sul trattamento dei dati.

ARTICOLI RECENTI