ATTUALITÀ

HomeMagazineSocietàAttualità

Sprechi, opere incompiute e cantieri fermi: la Sicilia è ancora la (triste) regina d'Italia

Il quadro desolante emerge dal primo Rapporto sull’Efficienza Infrastrutturale realizzato da Sensowork e vede la Sicilia in testa con il numero più alto di tutta Italia

Balarm
La redazione
  • 19 gennaio 2021

Grandi opere, burocrazia e più di mille cantieri mai terminati in tutta Italia.

È un quadro desolante quello che emerge dal primo Rapporto sull’Efficienza Infrastrutturale realizzato da Sensoworks, la startup italiana specializzata in monitoraggio infrastrutturale supportata da piattaforme multilivello.

A caratterizzare la situazione italiana ancora troppe inefficienze e sprechi, come quelli relativi alle 640 grandi opere incompiute (per un valore complessivo di 4 miliardi di euro) ed alle 400 opere bloccate per motivi burocratico-autorizzativi o per contenziosi vari (per un valore di 27 miliardi di euro).

Insomma in totale sono 1.040 le opere incompiute o bloccate in Italia.

E c'è di più. Al primo posto di questa (triste) classifica troviamo proprio la Sicilia. La regione ha infatti il numero più alto d'Italia di opere incompiute - ben 162 - pari al 25,3% del dato nazionale.

Escludendo l’ambito statale/sovra-regionale, la Sicilia si classifica inoltre al primo posto anche per lo spreco in termini economici: 488 milioni di euro, pari al 12,2% del dato nazionale che somma 4 miliardi di euro.



Anche "Striscia La Notizia" aveva acceso i riflettori sulla situazione delle opere incompiute in Sicilia e sugli sprechi milionari di fondi europei buttati via per progetti inutili e opere faraoniche mai portate a termine

Per quanto riguarda poi i tempi di realizzazione delle opere pubbliche, la media italiana è di 4,4 anni. Ma a livello territoriale si toccano valori ancora più elevati in Molise (5,7 anni), Basilicata (5,7 anni), Sicilia (5,3 anni) e Liguria (5,2 anni).

Le regioni più virtuose sono invece Lombardia ed Emilia Romagna, dove le opere infrastrutturali sono terminate con maggior velocità. Le due regioni si posizionano prime a pari merito con 4,1 anni di tempo medio di realizzazione.

«In regioni come la Sicilia dove una grande opera su 4 rimane incompiuta (e dove ancora oggi permangono gravissime diseconomie) - commenta Niccolò De Caro, ceo e co-fondatore di Sensoworks - possiamo dare un contributo risolutivo per invertire questa situazione, non solo migliorando la sicurezza delle infrastrutture ma anche aumentando la trasparenza della gestione degli eventi».

Intanto, a partire dal mese di maggio 2020, la società ha iniziato a lavorare a nuovi importanti progetti di monitoraggio di diverse infrastrutture autostradali (Autostrade per l’Italia) e stradali (Anas).
Se ti è piaciuto questo articolo, continua a seguirci:
Iscriviti alla newsletter
Cliccando su "Iscriviti" confermo di aver preso visione dell'informativa sul trattamento dei dati.

ARTICOLI RECENTI