L'INAUGURAZIONE

HomeMagazineCulturaMusica

Il Brasile di Jobim inaugura il Brass

Una particolare rilettura, appositamente ideata per l’occasione, delle melodie di quell’icona della cultura brasiliana che è stato “Tom” Jobim

  • 27 novembre 2003

Torna in Sicilia il musicista carioca Jaques Morelenbaum, ospite venerdì 28 novembre del Brass Group di Palermo per inaugurare alle 21.15 al teatro Orione (via don Orione 5 a Palermo), la rilanciata rassegna invernale “Musiche del nostro tempo” con “Tribute to Antonio Carlos Jobim”, una particolare rilettura, appositamente ideata per l’occasione, delle melodie di quell’icona della cultura brasiliana che è stato “Tom” Jobim. Già qualche mese fa il brasiliano compositore, arrangiatore, bassista, percussionista e vocalista, oltre che sensibile violoncellista, era approdato sull’isola per il tour basato sull’esperienza discografica dei cd “Casa” e “A Day in New York”, sotto l’apparente strana formula “M2S”, che oltre alle iniziali dei due Morelenbaum, Jaques e la moglie Paula, raffinata vocalist, nascondeva quelle di un altro ricercato musicista, il giapponese Ryuichi Sakamoto.

E sempre sulla base di quell’esperienza, ma ancor più sulla decennale collaborazione che ebbe in seno alla “Nova Banda” con Jobim, Morelenbaum proporrà per questo appuntamento un programma incentrato sui brani del repertorio del maestro e di un altro grande cantore brasiliano, Caetano Veloso (con il quale nel ’99 ha pure condiviso il Grammy per l’album “Livro”), qui rivisitati in versione acustica come pezzi classici di Schumann o Debussy, avvalendosi dell’educazione indubbiamente accademica del musicista, a realizzare una accattivante trait-d’union fra musica colta e musica popolare. Del resto, di tale sua versatilità testimoniano le sue collaborazioni, tutte di rilievo: da Leonard Bernstein, a Chico Buarque, Egberto Gismonti, Cesaria Evora, i Madredeus ed altri. Il musicista sarà accompagnato dal suo Quinteto costituito, oltre che dalla consorte Paula, anche da Lula Galvao alla chitarra acustica, da Mario Feres al pianoforte e dal percussionista Fejiao.

Gli abbonamenti ai dodici concerti in rassegna sono in vendita presso Ellepi (via Libertà 29/c, telefono 091.323084), 70 euro per il primo settore della platea, 60 per il secondo, 50 per il terzo e per la galleria. Il biglietto d’ingresso ad ogni singolo concerto costa invece 16 euro. Ulteriori informazioni sono reperibili sul sito internet del Brass www.thebrassgroup.it o telefonando al numero 091.6166480.

ARTICOLI RECENTI