CINEMA

HomeMagazineCulturaCinema

Un "Netflix del cinema indipendente": nasce a Palermo una piattaforma tutta siciliana

Il progetto nasce da un'idea del regista ennese Davide Vigore ed è realizzata dagli ex allievi del Centro Sperimentale di Cinematografia di Palermo. Ecco come funziona

Rosa Guttilla
Giornalista
  • 25 settembre 2020

Il regista Davide Vigore

Dal primo ottobre prende il via il progetto YouMovie, innovativa idea che permetterà ai giovani filmaker di far conoscere, e soprattutto promuovere, i propri lavori al di fuori del canali "ufficiali" quali i festival di settore ad esempio.

Questo progetto, ideato da alcuni ex allievi del Centro Sperimentale di Cinematografia di Palermo, nasce infatti dalle difficoltà nate a seguito delle limitazioni imposte dal Coronavirus.

Promotore dell'iniziativa è stato Davide Vigore, regista di Enna che ha già fatto parlare di sè grazie ai suoi cortometraggi che hanno ottenuto diversi riconoscimenti anche a livello nazionale, quale ad esempio "La bellezza imperfetta".

«Noi, con un pizzico di enfasi, la chiamiamo "Netflix del cinema indipendente" - spiega Davide Vigore -. Un po' scherziamo, ma non siamo molto lontani da quella definizione».

"Ogni impedimento è giovamento" dicevano i vecchi saggi, e così è stato anche in questa circostanza.



Partendo dalla sua associazione culturale, la Visco Film, il regista ha scritto un progetto e l'ha presentato alla presidenza del Consiglio e all'assessorato regionale siciliano alle Politiche giovanili, riuscendo a realizzare ben presto il progetto che, come già detto, diventa operativo dal primo ottobre.

«Avevo già avviato una interlocuzione con questi enti per un altro progetto - ci ha detto Vigore - che in quel momento a causa della pandemia era irrealizzabile. Ho chiesto quindi di poter modificare le linee guida e di redigere un altro progetto che offrisse più opportunità. Così è stato».

Ma cosa troveremo in questa nuova piattaforma?

In sostanza YouMovie è un "contenitore libero" per chi vuole presentare al pubblico cortometraggi, documentari, spettacoli teatrali e persino musica dal vivo, per accedervi sarà necessario contattare il gruppo di lavoro, tramite l'indirizzo mail youmovie.it@gmail.com, e inviare il proprio film che, ovviamente, dovrà superare una selezione prima di essere pubblicato.

«Non sarà una nuova YouTube - ha precisato Vigore - dove chiunque potrà piazzare quello che vuole. Dopo la pubblicazione l'autore potrà decidere di rendere la fruizione a titolo gratuito o a pagamento con un biglietto digitale che andrà dai 3 ai 5 euro.

La piattaforma riconoscerà al regista il 75 per cento degli incassi, ne tratterrà soltanto un quarto per le spese di gestione. Lo scopo non è certo quello di far soldi, ma di aprire uno spazio libero al cinema indipendente».

«All'inzio avevo condiviso l'idea con amici e addetti ai lavori con i quali ogni giorno mi confronto, negli ultimi giorni invece, da quando il progetto è diventato pubblico ho ricevuto centinaia di telefonate da parte non solo di artisti che vogliono parteciparvi ma anche di istituzioni di settore che trovano l'idea molto interessante e innovativa.

Non escludo - conclude Vigore - che il progetti valichi le soglie dell'Italia per diventare internazionale accogliendo lavori, sempre di qualità».
Se ti è piaciuto questo articolo, continua a seguirci:
Iscriviti alla newsletter
Cliccando su "Iscriviti" confermo di aver preso visione dell'informativa sul trattamento dei dati.

ARTICOLI RECENTI