STORIE

HomeMagazineLifestyleStorie

Una vita per il musical in giro per l'Italia, Ivana: "Ora sogno un'accademia a Marsala"

Ivana Mannone, 24 anni, è una performer di musical con tanti sogni nel cassetto da realizzare. Ha iniziato a studiare danza all'età di 3 anni e da allora non si è più fermata

Jana Cardinale
Giornalista
  • 23 gennaio 2021

Ivana Mannone al Teatro Sistina

«Spronare i ragazzi a seguire i loro sogni». È una delle frasi che Ivana Mannone, 24 anni, marsalese, performer di musical, preferisce.

Lei, i suoi sogni li ha realizzati, e oggi li "vive" con competenza e sentimento, sapendo di potersi arricchire ad ogni nuova esperienza, che promuove insieme l’arte e la propria personalità. Ha iniziato a studiare danza all'età di tre anni prendendo lezioni di ballo da sala nella palestra della sua scuola materna, e all'età di sette anni inizia a studiare danza classica, contemporanea, hip hop e musical thatre presso l’Art and Dance Centre diretta a Marsala da Gilda Ottoveggio.

Dopo aver conseguito la maturità scientifica, viene ammessa a frequentare la scuola professionale di musical di Parma, “Professione Musical Italia”, dove studia danza, canto e recitazione. Si diploma in Tip Tap e Danza Moderna con il metodo ISTD, e nel 2018 si diploma come performer di musical.



Prima di terminare gli studi inizia ad approcciarsi al mondo del lavoro. Il primo musical per cui passa l'audizione è "A Chorus Line", con la regia di Chiara Noschese: il suo più grande sogno nel cassetto, dal momento che proprio dieci anni prima aveva partecipato allo stesso spettacolo nella sua scuola di danza di Marsala e quell'esperienza le aveva reso chiaro il percorso che avrebbe voluto intraprendere.

Prima di quell'allestimento fu chiamata a far parte dell'ensemble di un "signor" musical, An American in Paris, con la regia di Federico Bellone e le musiche di George Gershwin, nella straordinaria cornice del teatro Carlo Felice di Genova.

Ivana entra successivamente a far parte del cast artistico del "Forte Village Resort", in Sardegna, che negli ultimi anni ha ricevuto il titolo mondiale di miglior eco resort. Subito dopo si imbatte in un'altra incredibile esperienza: "Mary Poppins, il Musical".

«Un tumulto di emozioni – racconta Ivana -. Ho avuto l'immenso onore di calcare per tre mesi il palco del teatro Sistina di Roma dove ho incontrato artisti come Gigi Proietti, Loretta Goggi, Pippo Baudo, Paola Cortellesi e, infine, Sir Cameron Mackintosh, produttore di alcuni dei musical più importanti della storia, che venne a Roma per conoscere il cast italiano del suo musical».

«L'incombere di questo terribile virus ha rallentato, inesorabilmente, il proseguire della mia carriera – aggiunge - ma durante il periodo di lockdown non ho mollato la presa: ho continuato l'attività parallela di insegnamento tramite le lezioni online. Ho dato il volto alla natura nel nuovo videoclip dei The Magik Way, "Le Vampe", ho partecipato al nuovo spot di Masterchef 2020 e ho costruito casa, assieme al mio compagno, in Piemonte».

Le aspirazioni per il prossimo futuro sono quelle di poter risalire sul palco, vivere ancora di arte. Ivana di sogni nel cassetto, ancora da realizzare, ne conserva ancora, e tra questi c’è quello di gestire, prima o poi, un'accademia di musical, assieme al compagno e ad alcuni amici/artisti che ha incontrato nel suo cammino. «Chissà – ammette - magari proprio a Marsala!».

Nella sua città, oltre che alla scuola diretta da Gilda Ottoveggio, ha studiato anche all’Officina Artistica "Carpe Diem", diretta da Roberta Caly. Oggi Ivana vive a Vinchio, in provincia di Asti.

Di sincera bellezza il parere, racchiuso in un ricordo, che ne dà la sua preside del Liceo Scientifico marsalese, Fiorella Florio: «Ivana è una ragazza che ha sempre messo cura in tutto quel che faceva a scuola e gli esiti non potevano che essere lusinghieri. Dopo parecchi anni, ero in platea al Teatro Nazionale di Milano e attendevo l'inizio del musical per antonomasia, "Chorus Line".

Leggendo il programma di sala vedo il nome di una dei performer: Ivana Mannone. E mi si "accende" il ricordo di un foglio protocollo a quadri, e di quelle lettere scritte a penna, ordinate, tondeggianti. «Ivana Mannone classe II F". Che emozione! Da allora la seguo, attraverso la mia passione per il musical, in una carriera che le auguro torni presto alla meritata rapida ascesa, dopo la pausa dovuta al Covid».
Se ti è piaciuto questo articolo, continua a seguirci:
Iscriviti alla newsletter
Cliccando su "Iscriviti" confermo di aver preso visione dell'informativa sul trattamento dei dati.

ARTICOLI RECENTI