SOCIETÀ

HomeMagazineSocietà

Da via Maqueda alla Kalsa, ecco gli edifici che saranno riqualificati: arrivano 90 milioni per Palermo

Le imprese che vorranno partecipare alle gare di appalto per l'affidamento dei lavori dovranno essere registrate all'Albo dei fornitori di Invitalia. Vi spieghiamo perché e come fare

Marta Genova
Giornalista
  • 22 gennaio 2021

Palazzo Fiumetorto Giallongo, uno degli edifici da riqualificare

Sono 17 gli interventi nel Centro storico di Palermo ammessi al finanziamento: 11 proposti dal Comune, 5 dalla Regione Siciliana e 1 dalla Soprintendenza Archivistica della Sicilia-Archivio di Stato di Palermo. Saranno realizzati con i 90 milioni sbloccati dal Governo, nell’ambito del Contratto istituzionale di sviluppo (Cis), che punta alla riqualificazione, al recupero e alla manutenzione degli edifici pubblici.

Il Dpcm che ha reso operativo il Cis è stato firmato dal premier Conte lo scorso 28 dicembre e istituisce inoltre il tavolo tecnico che dovrà coordinare gli interventi e di cui fanno parte rappresentanti del Ministero del Sud e della Coesione Territoriale, del Mibact, Mef, Ministero dello Sviluppo economico, della Prefettura, della Regione Siciliana, della città Metropolitana di Palermo, dell'Università degli Studi del capoluogo e di Invitalia.

Già, non sarà il Comune di Palermo l'ente attuatore che dunque predisporrà e bandirà le gare d'appalto, ma sarà Invitalia ad occuparsi della realizzazione dei 17 interventi «al fine di superare le difficoltà tecniche del Comune» scrive sui social Adriano Varrica, parlamentare del M5S che ha seguito la vicenda di questi fondi fin dall'inizio .



E, si legge ancora, «garantiremo così tempistiche certe e ragionevoli». Contestualmente alla fase di confronto e interlocuzione è stato infatti Varrica a promuovere il trasferimento della competenza dei futuri lavori dal Comune di Palermo ad altra centrale di committenza «al fine di superare le criticità legate all’insufficiente organico dell’ente locale».

Dunque, le imprese che vorranno partecipare alle gare di appalto per l'affidamento dei lavori dovranno necessariamente essere registrate all'Albo dei fornitori di Invitalia così da evitare eventuali esclusioni all'ultimo momento.
(N.B. si legge sul sito il seguente Avviso: "Si informa che a partire dalle ore 18:30 del 29 Gennaio il portale non sarà disponibile per interventi di manutenzione. La presumibile riattivazione del portale avverrà entro le ore 08:00 del 01 Febbraio).

L'Albo Fornitori è infatti un elenco di imprese iscritte sulla base dei requisiti economici, organizzativi e tecnici dichiarati in sede di registrazione, che possono essere invitate a partecipare a procedure di affidamento e su Invitalia esiste infatti proprio un Manuale d'uso per l'iscrizione.

Ma torniamo ai fondi. L’iter di assegnazione delle risorse si concluderà con la sigla del Contratto Istituzionale di Sviluppo, nell’ambito del Piano operativo Cultura e Turismo, che sarà sottoscritto il 2 febbraio.

Questo è l'elenco degli interventi ammessi.
- Restauro e manutenzione straordinaria dell'antico Monastero delle Suore Carmelitane Scalze detto delle Artigianelle sito in piazza Kalsa
- Completamento del restauro del complesso di S. Maria allo Spasimo - stralcio 2 (completamento ambiti dell'intervento ex sisma)
- Restauro del Collegio della Sapienza alla Magione
- Progetto di valorizzazione e restauro di Palazzo Marchesi
- Restauro e manutenzione straordinaria di Palazzo Fiumetorto Giallongo
- Lavori di restauro Palazzo Gulì - Completamento
- Progetto di illuminazione artistica dei monumenti del sito UNESCO e dei percorsi pedonali del Centro Storico di Palermo
- Restauro Ex Convento San Basilio (Casa delle Culture)
- Progetto di completamento dei locali di proprietà comunale all'interno del "Piano di recupero compreso tra le vie Maqueda, discesa dei Giovenchi, discesa delle Capre e Via Sant'Agostino"
- Restauro e rifunzionalizzazione dell'Ex Collegio San Rocco - Palermo
- Riqualificazione urbana delle pavimentazioni storiche e degli spazi aperti nel Centro Storico di Palermo
- MUSEO RISO - Ampliamento e riqualificazione degli spazi esterni e adeguamento agli standard museali europei
- MuseoCity Sistema museale integrato del Centro storico di Palermo
- GiocaMuseo percorsi didattici realizzati attraverso animazioni da realtà aumentata, fruibili via web
- Sicilia/Grecia/Magna Grecia (Mostra itinerante)
- Restauro e riqualificazione dell'ex convento di Santa Maria degli angeli detto “Gancia”, sede dell’Archivio di Stato di Palermo per la fruizione e valorizzazione
- Sostegno alle imprese di servizi culturali e all'industria creativa
Se ti è piaciuto questo articolo, continua a seguirci:
Iscriviti alla newsletter
Cliccando su "Iscriviti" confermo di aver preso visione dell'informativa sul trattamento dei dati.

ARTICOLI RECENTI