ITINERARI

HomeMagazineTurismoItinerari e luoghi

A due passi da Palermo: alla scoperta della grotta che ha reso la Sicilia un luogo "mitico"

Non serve andare troppo lontano da Palermo per esplorare posti sorprendenti. Stavolta vi portiamo in luogo che ha del magico e che si pensava fosse stato abitato dai giganti

Elena Cicardo
Digital strategist
  • 3 gennaio 2021

Non serve andare troppo lontano da Palermo per esplorare posti sorprendenti. Stavolta vi portiamo alla scoperta di una delle spettacolari grotte siciliane: la Grotta Mazzamuto, conosciuta anche come la Gola del gigante. Fa parte della Riserva Naturale Orientata di Pizzo Cane, Pizzo Trigna e Grotta Mazzamuto, appunto, ed è davvero affascinante.

Si tratta di un antro di notevoli dimensioni e di enorme interesse storico e paleontologico, ha un’origine carsica e come ci racconta Samuele Buglino, un ragazzo innamorato del suo territorio che non perde occasione per condividerne la storia, esiste da quando la Sicilia era sommersa dalle acque.

All’interno della grotta ci sono sia stalattiti che stalagmiti. Oltre all’ingresso principale (gigante), ci sono altre due “stanze”, una raggiungibile tramite una scaletta e un’altra che può essere raggiunta solo da esperti autorizzati tramite corde e imbracature.

Tanti studiosi si sono interessati a questo luogo. Si sa che è stato abitato dall’uomo fin dalla preistoria e che possiede un ricco giacimento fossile, con resti per esempio di elefante nano e ippopotamo. Nei secoli scorsi grotte come questa fecero parlare di Sicilia come terra mitica, quando si credeva che fossero state un tempo abitate dai giganti e i reperti fossili dell'Elephas mnaidriensis erano scambiate per ossa di umanoidi giganteschi.



I reperti archeologici lì ritrovati sono oggi al Museo Salinas di Palermo. All’interno si scorgono anche dei graffiti ma purtroppo molti sono stati vandalizzati.

Un’altra cosa curiosità? Sempre Samuele ci racconta che un tempo si diceva che questa grotta continuasse fino all’altra parte opposta della Riserva Orientata, in zona Ventimiglia e Baucina.

Come raggiungere la Grotta di Mazzamuto

Arrivare alla grotta è davvero molto semplice. Da Palermo basta prendere l’autostrada A19 e uscire allo svincolo di Altavilla Milicia. A quel punto prendere la strada statale 113 e subito salire a destra, circa un chilometro dopo, seguendo la Strada Portella Daino e proseguire con le indicazioni dei cartelli verso la Riserva Naturale Orientata di Pizzo Cane, Pizzo Trigna e Grotta Mazzamuto.

Da questa strada, si prosegue per 2 chilometri, seguendo sempre le stesse indicazioni e alla fine, sulla sinistra, si devono seguire le indicazioni per il demanio forestale. Da quel momento la strada è sterrata (ma sempre facilmente percorribile), si sale per circa 200 metri e c’è il punto il cui si possono parcheggiare le auto per poi proseguire a piedi.

A questo punto infatti si imbocca un sentiero, che si chiama proprio Sentiero Mazzamuto, che costeggia il costone della montagna, e dopo 200 metri si arriva alla grotta. Già il sentiero è stupendo e panoramico, perché si vede l’intero golfo di Casteldaccia e Capo Zafferano.

Il percorso è semplicissimo e adatto proprio a tutti, anche ai bambini. Non è necessario alcun tipo di attrezzatura anche perché il sentiero fa parte del demanio forestale ed è ben curato.
Se ti è piaciuto questo articolo, continua a seguirci:
Iscriviti alla newsletter
Cliccando su "Iscriviti" confermo di aver preso visione dell'informativa sul trattamento dei dati.

ARTICOLI RECENTI